ART 408 C.P.P. –RICHIESTA ARCHIVIAZIONE PM

INCIDENTE PROBATORIO AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

INCIDENTE PROBATORIO AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

richiesta archiviazione
INCIDENTE PROBATORIO AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

L’esame delle persone che abbiano reso dichiarazioni in sede di incidente probatorio può essere richiesto dalle parti, ma sarà ammesso solo previa valutazione da parte del giudice di non manifesta superfluità, sia per l’ipotesi di incidente probatorio reso in altro procedimento (ai sensi dell’art. 238, comma 5, cod. proc. pen. che richiama l’art. 190 cod. proc. pen.), sia nel caso di prova dibattimentale assunta da giudice diversamente composto (come affermato dalle Sezioni Unite espressamente), sia – deve aggiungersi – nel caso di incidente probatorio disposto nello stesso procedimento in cui si valuta l’utilizzabilità della prova dichiarativa. Ciò nel rispetto del principio di ragionevole durata del processo e, al contempo, rispettando le garanzie difensive e procedurali del processo equo ai sensi dell’art. 6 CEDU.

  1. Nel corso delle indagini preliminari [326-415] il pubblico ministero e la persona sottoposta alle indagini possono chiedere al giudice che si proceda con incidente probatorio:
  2. a) all’assunzione della testimonianza [194] di una persona, quando vi è fondato motivo di ritenere che la stessa non potrà essere esaminata nel dibattimento per infermità o altro grave impedimento(1);
  3. b) all’assunzione di una testimonianza quando, per elementi concreti e specifici, vi è fondato motivo di ritenere che la persona sia esposta a violenza, minaccia, offerta o promessa di denaro o di altra utilità affinché non deponga o deponga il falso(2);
  4. c) all’esame della persona sottoposta alle indagini su fatti concernenti la responsabilità di altri [quando ricorre una delle circostanze previste dalle lettere a) e b)](3);
  5. d) all’esame delle persone indicate nell’articolo 210[quando ricorre una delle circostanze previste dalle lettere a) e b)] e all’esame dei testimoni di giustizia(3);
  6. e) al confronto tra persone che in altro incidente probatorio o al pubblico ministero hanno reso dichiarazioni discordanti, quando ricorre una delle circostanze previste dalle lettere a) e b);
  7. f) a una perizia [220, 508] o a un esperimento giudiziale [218], se la prova riguarda una persona, una cosa o un luogo il cui stato è soggetto a modificazione non evitabile(4);
  8. g) a una ricognizione [213], quando particolari ragioni di urgenza non consentono di rinviare l’atto al dibattimento.

1-bis. Nei procedimenti per i delitti di cui agli articoli 572, 600, 600 bis, 600 ter e 600 quater, anche se relativi al materiale pornografico di cui all’articolo 600 quater 1, 600 quinquies, 601, 602, 609 bis, 609 quater, 609 quinquies, 609 octies, 609 undecies e 612 bis del codice penale il pubblico ministero, anche su richiesta della persona offesa, o la persona sottoposta alle indagini possono chiedere che si proceda con incidente probatorio all’assunzione della testimonianza di persona minorenne ovvero della persona offesa maggiorenne, anche al di fuori delle ipotesi previste dal comma 1(5). In ogni caso, quando la persona offesa versa in condizione di particolare vulnerabilità, il pubblico ministero, anche su richiesta della stessa, o la persona sottoposta alle indagini possono chiedere che si proceda con incidente probatorio all’assunzione della sua testimonianza(6).

  1. Il pubblico ministero e la persona sottoposta alle indagini possono altresì chiedere una perizia che, se fosse disposta nel dibattimento, ne potrebbe determinare una sospensione superiore a sessanta giorni ovvero che comporti l’esecuzione di accertamenti o prelievi su persona vivente previsti dall’art. 224 bis. [467, 4685](7)(8).

incidente probatorio avente ad oggetto l’esame testimoniale

In caso di richiesta di incidente probatorio avente ad oggetto l’esame testimoniale, il giudice per le indagini preliminari può disporre “ex officio” lo svolgimento di accertamenti peritali aventi ad oggetto la capacità a testimoniare del soggetto esaminando ai sensi dell’art. 196, cod. proc. pen. (Nella specie l’esame testimoniale ha riguardato un minore vittima di violenza sessuale).

(

In caso di richiesta di incidente probatorio avente ad oggetto l’esame testimoniale, il giudice per le indagini preliminari può disporre “ex officio” lo svolgimento di accertamenti peritali aventi ad oggetto la capacità a testimoniare del soggetto esaminando ai sensi dell’art. 196 cod. proc. pen. (In applicazione di questo principio la S.C. ha rigettato l’eccezione di inutilizzabilità formulata dall’imputato con riguardo agli accertamenti peritali disposti di ufficio dal G.I.P. per verificare la capacità a testimoniare di un minore vittima di abuso sessuale, il cui esame in incidente probatorio era stato richiesto dalle parti).

(

Con riferimento alla deposizione testimoniale resa in sede di incidente probatorio avente ad oggetto la ritrattazione di precedenti dichiarazioni rilasciate durante le indagini preliminari, il giudice è tenuto a valutare, sia in relazione allo sviluppo delle indagini sia in ottica dibattimentale, la sussistenza di elementi rilevanti ai fini della operatività del comma quarto dell’art. 500 cod. proc. pen. che abbiano potuto condizionare le dichiarazioni del teste. (La S.C., in motivazione, ha precisato che anche a seguito delle modifiche apportate all’art. 500 cod. proc. pen. dalla legge n. 63 del 2001, in sede cautelare il G.i.p. ben può attribuire maggiore attendibilità alle dichiarazioni rese dal teste del P.M. piuttosto che a quelle rese in sede di incidente probatorio, quando fondi il proprio convincimento su una motivazione logica e congrua).

Sono legittimamente acquisite e, quindi, pienamente utilizzabili in dibattimento le dichiarazioni della persona sottoposta ad indagini su fatti attinenti la propria responsabilità rese, nel contraddittorio tra le parti, in sede di incidente probatorio ammesso per procedere all’esame della stessa persona sottoposta ad indagini su fatti concernenti la responsabilità di altri, ex art. 392, comma primo, lett. c), cod. proc. pen.. Il principio secondo cui la nullità di un atto rende invalidi gli atti consecutivi, che dipendono da quello dichiarato nullo, non trova applicazione in materia di inutilizzabilità, riguardando quest’ultima solo le prove illegittimamente acquisite e non quelle la cui acquisizione sia avvenuta in modo autonomo e nelle forme consentite. (Fattispecie in cui si è affermato che la violazione dell’art. 430 bis cod. proc. pen. – concretatasi nella acquisizione illegittima, da parte del P.M., di informazioni da soggetto indicato nella richiesta di incidente probatorio ammesso dal Gip prima dell’illegittima assunzione delle predette informazioni – non determina la nullità dell’incidente probatorio in cui il P.M. abbia utilizzato per le contestazioni dette informazioni illegittimamente acquisite).

(

In tema di incidente probatorio, gli incontri preliminari avvenuti previa autorizzazione del giudice tra il minore vittima di abusi sessuali e l’esperto di neuropsichiatria infantile allo scopo di facilitare il contatto personale tra quest’ultimo e la persona offesa, nella prospettiva di agevolare la successiva acquisizione della prova nel contraddittorio delle parti, non comportano alcuna inutilizzabilità delle dichiarazioni rese dal soggetto debole, anche se svolti in assenza del consulente tecnico della difesa. (Fattispecie in cui la Corte ha giudicato immune da vizi la decisione impugnata che aveva ritenuto attendibile la testimonianza del minore preceduta da incontri preliminari con l’esperto di neuropsichiatria infantile sottoposti a registrazione).

La legge 1 marzo 2001, n. 63, di attuazione dei principi del giusto processo, nel modificare le disposizioni relative all’esame degli imputati in un procedimento connesso, non ha implicitamente abrogato la disciplina delle speciali ipotesi di incidente probatorio prevista dall’art. 392, comma primo, lett. c) e d), c.p.p..

L’assunzione della perizia in incidente probatorio

L’assunzione della perizia in incidente probatorio implica l’esposizione orale del perito e il conseguente esame dello stesso ad opera delle parti.ella perizia in incidente probatorio implica l’esposizione orale del perito e il conseguente esame dello stesso ad opera delle parti.

(Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 44847 del 2 dicembre 2008)

Cass. pen. n. 6808/1999

In tema di perizia assunta con incidente probatorio, non è prevista alcuna nullità per il caso di diniego di fissazione di una nuova udienza da parte del Gip per l’esame orale del perito. Ed invero, l’assunzione anticipata dalla perizia in sede incidentale non richiede, successivamente al deposito dell’elaborato, anche l’esame orale del perito, in quanto il rinvio alle forme di assunzione delle prove stabilite nel giudizio, compiuto dall’art. 401 — quinto comma — c.p.p., deve intendersi nei limiti di compatibilità connaturati alla specialità della sede ed alle esigenze acceleratorie proprie della fase

In tema di perizia disposta nelle forme dell’incidente probatorio, non è previsto che il deposito di tutti gli atti utilizzati dal perito per l’espletamento dell’incarico avvenga prima dell’udienza preliminare. Ed invero, il principio del contraddittorio, nella fase incidentale, è assicurato a tutti gli indagati i quali possono servirsi di propri consulenti tecnici che partecipano alle operazioni peritali prendendo cognizione diretta degli elementi dell’indagine peritale «riversati» nell’elaborato successivamente depositato.

La facoltà, per il pubblico ministero, in base alla norma transitoria di cui all’art. 6, comma 1, della L. 7 agosto 1997 n. 267, di chiedere l’espletamento di incidente probatorio ai sensi dell’art. 392, comma 1, lett. c) e d), c.p.p., nel testo modificato dall’art. 4 di detta legge, onde procedere all’esame dell’indagato su fatti concernenti la responsabilità altrui ovvero a quello di soggetti indicati nell’art. 210 c.p.p., è esercitabile, nell’osservanza del termine stabilito, anche quando il procedimento si trovi in fase di atti preliminari al dibattimento. In tal caso, pur facendosi riferimento, nel citato art. 6, comma 1, della legge n. 267/97, soltanto al «giudice per le indagini preliminari» come organo destinatario della richiesta di incidente probatorio, questa non può che essere diretta, in applicazione della regola dettata dall’art. 467 c.p.p. (che prevede l’espletamento degli atti urgenti nella fase degli atti preliminari al dibattimento), all’organo indicato come competente in detta ultima disposizione, e cioè al presidente del collegio giudicante (tribunale o corte d’assise), il quale ne valuterà l’ammissibilità e l’accoglibilità, provvedendo quindi con ordinanza motivata.

L’art. 431, lettera b), c.p.p., che consente l’inserimento nel fascicolo per il dibattimento degli atti irripetibili compiuti dalla polizia giudiziaria, rappresenta una deroga al principio dell’oralità cui è ispirata la nuova disciplina del processo penale e costituisce, pertanto, norma eccezionale di stretta interpretazione. Non può quindi accogliersi una nozione ampia di irripetibilità, che includa cioè qualsiasi situazione nella quale debba salvaguardarsi l’esito dell’atto di indagine dai pericoli connessi al decorso del tempo, il concetto di irripetibilità, infatti, in coerenza con le caratteristiche proprie del nuovo processo, non può non coincidere con quello di impossibilità di reiterazione dell’atto stesso in sede dibattimentale, mentre l’esigenza di evitare che il decorso del tempo pregiudichi la genuinità della prova trova tutela nella disciplina dell’incidente probatorio. (Nella specie la Corte ha escluso che possano considerarsi atti irripetibili ai sensi e per gli effetti dell’art. 431 c.p.p., gli atti di individuazione fotografica e personale compiuti dalla polizia giudiziaria).